Philip – Flamm Punta Civetta Parete Nord Ovest

Posted By on Lug 19, 2015 | 0 comments


ParetiVerticali banner-Dolomiti Giuseppe Frison

Gruppo del Civetta - PUNTA TISSI 2992 m. “La grandiosa, bellissima e impegnativa via: Philip - Flamm”

Gruppo del Civetta – PUNTA TISSI 2992 m.
“La grandiosa, bellissima e impegnativa via: Philip – Flamm”

Prefazione:
Bellissima via, che sale lungo la muraglia della parete Nord del Civetta in un grandioso ambiente, estremamente impegnativa.
E’ stata aperta, tranne tre passaggi, completamente in arrampicata libera e con al massimo tre chiodi di assicurazione per ciascuna lunghezza di corda.
In base al giudizio di paretti ripetitori, risulta essere la più difficile e impegnativa via del gruppo del Civetta.

Aperta il: 5-6-7 settembre del 1959 da Walter Philip e Dieter Flamm. I primi salitori hanno usato: 87 chiodi, ( 44 di progressione e 43 chiodi per attrezzare le soste) e 2 staffe per ciascuno.

1a salita solitaria: 2 agosto 1969 da Reinhol Messner – 1a invernale: 7/8/9/10/11/12 febbraio 1973 da Gian Battista Crimella, Giuliano Fabbrica, Giovanni Rusconi, Giorgio Tessari. – 1° concatenamento 25 agosto 1990 = Via Philipp -Flamm e Via Solleder -Lettenbauer salito da Manrico Dell’Agnola e Alcide Prati in 17 ore . Gli spostamenti sono stati effettuati a piedi.

Dislivello: 740 mt. Sviluppo: circa 1130 mt. Tempo di salita: dalle 10 – 16 ore . Difficoltà della via: 4°, 5°, 5°+, 6°, 6°+, due passaggi A1 e due passaggi A2. ( 7°-, 8°- ).
La via può essere divisa in tre tratti, aventi ciascuno circa uguale sviluppo.
1° tratto; corrisponde alle prime 11 lunghezze di corda della relazione di Philip: “…Arrampicata su roccia salda. Difficoltà di 4°, 5° ”
2° tratto: arrampicata per diedri e camini gialli, talvolta friabili con difficoltà di 5°, 5°+, 6°
3° tratto; arrampicata per camini e diedri su roccia abbastanza buona con difficoltà di 5°+, 5°, 4°
Avvicinamento:
Dal rif. Tissi in 45 minuti oppure dal rif. Coldai in 1h 15 si raggiunge il canale inclinato da destra verso sinistra, a sinistra dello zoccolo di attacco della via Solleder. Dei residui nevosi alla base del canale stesso possono richiedere qualche attenzione.
Il consiglio, è quello di pernottare al Tissi, e farsi dare gli ultimi aggiornamenti dal bravissimo ed esperto gestore, circa le condizioni della parete e soprattutto dei camini terminali, spesso bagnati fino a stagione avanzata o causa dei frequenti temporali; inoltre da questo rifugio si potrà ammirare nella sua pienezza l’immensità e la severità di questa grande muraglia di incomparabile bellezza.

Accesso:
L’attacco si trova a dx della verticale passante per la vetta, alla base di un canale.colatoio che sale verso sx, in direzione di una grande caverna.

Descrizione:

Salire per 85 mt. il canale colatoio pass. 4°.
1° tiro; Ci si porta con una breve attraversata a sx. Si vince uno strapiombo per salire la fessura diedro. 40 mt. 4°+, 5°.
2° tiro; Salire sempre nel diedro; poi una placca e quindi il camino. 35 mt. 5°-, 4°, 5°.
3° tiro; Si continua a salire in fessura e poi si procede lungo una rampa a sx. coperta di detriti. 30 mt. 4°+
4° tiro; Ora si va leggermente a sx. per prendere un camino su una torre. 35 mt. 4°.
5° tiro; Si attraversata a sx. per raggiunge il grande diedro. Lo si sale per 10 mt. Si attraversa a dx. lungo una lista e poi su per una fessura. 30 mt. 4°+, 5°
6° tiro; Si continua a salire seguendo la fessura poi ritornare a sx. nel diedro sopra dei gradoni. 30 mt. 4°+, 5°
7° tiro; Ora, salire obliquaando a dx fino ad una terrazza. 30 mt. 4°, 4°+
8° tiro; Da questa, si obliqua a sx. lungo una serie di camini superando uno strapiombo. 30 mt. 4°+,5°+
9° tiro; Superare un camino, per attraversare a dx. fino ad uno spigolo. Salire vs. dx. fino ad una terrazza 25 mt. 4°+, 5°, 4°
10° tiro; Salire a dx. del camino per 15 mt. Attraversare il suo fondo, per poi salire per una fessura laterale. Si continua a salire obliquamente a sx. fino alla sosta. 40 mt. 5°, 5°-, 4°+
11° tiro; Salire obliquando un po’ a sx. del diedro e poi salirlo. 30 mt. 5°, 4°, 5°
12° tiro; Proseguire per il diedro. 15 mt. 5°, 5°+
13° tiro; Continuare per il diedro e poi si sale lungo un camino. 30 mt. 5°+, 6°, 5°+
14° tiro; Proseguire all’interno del camino, poi salire il diedro e, superare uno strapiombo aggirandolo a sx., per salire una placca. 30 mt. 5°, 6°
15° tiro; Salire lungo il diedro fin sotto un grande tetto. 25 mt. 5°,6° (bivacco primi salitori)
16° tiro; Attraversare, sotto, il tetto verso sx. e salire per camino. 20 mt. 6°,5°+
17° tiro; Salire in obliquo a sx. per prendere una esile fessura a sx. del diedro e arrivare in una nicchia orizzontale profonda 2 mt., larga 2 mt. e alta mezzo metro. 35 mt. 5°+, A2. caduta d’acqua continua.
18° tiro; Salire a dx. della nicchia, poi attraversare verso sx. lungo il suo bordo giallo. 30 mt. 5°+, 6°
19° tiro; Si prosegue per una sottile fessura e poi si sale ancora obliquando a sx. in un colatoio. 25 mt. A1, 5°+
20° tiro; Proseguire verso dx. per arrivare sopra una torre. 20 mt. 2°, 3°
21° tiro; Salire in obliquo verso dx. verso un grande tetto che si trova 50 mt. più in alto. 40 mt. 4°
22° tiro; Si scende un pò per una fessura,. Obliquare a dx. in direzione del tetto e poi salire a sx. dentro un canale. 25 mt. 5°+, 6°
Attenzione!!!: Si può dalla base del colatoio tiro19°, salire direttamente con 2 lunghezze, con difficoltà di 6° e raggiungere la il 22° tiro.
23° tiro; Si sale in obliquo verso dx. superando dei gradoni e arrivando alla base di un camino. 25 mt. 3°, 4°+
24° tiro; Ora, salire per una lista verso sx. fino ad uno sperone. 20 mt. 3°, 4°
25° tiro; Qui si incontra la via Comici-Benedetti che per tre tiri è la stessa della Philip -Flamm. Salire per i camini. 30 mt. 2°, 3°
26° tiro; Continuare per i camini. 15 mt. 5°+, 4°
27° tiro; Proseguire salendo lungo i camini. 25 mt. 3°+, 4°
28° tiro; Salire il camino. 15 mt. 5°, 4°
29° tiro; Attraversare orizzontalmente sotto un tetto e verso dx. fino alla sosta. 25 mt. 5°, 4°
30° tiro; Proseguire ancora lungo il camino. 25 mt. 5°, 4°
31° tiro; Passare sotto a dei blocchi incastrati e malsicuri 15 mt. 5°- (buco caratteristico)
32° tiro; Superare una placca e per un diedro si raggiunge una cengia. 25 mt. 5°-, 5°
33° tiro; Ora, il camino si biforca. Seguire quello dx, fino ad uno strapiombo; attraversare a dx. in una nicchia. 20 mt. 5°+, 5°
34° tiro; Attraversa a dx. su roccia rossa all’interno di un successivo camino. 20 mt. 4°+
35° tiro; Giunti, fuori dal tetto, sopra il blocco si supera uno strapiombo 30 mt. 5°, 5°+
36° tiro; Salire il diedro di sx. per 15 mt.; attraversare a sx. fino alla costola che divide i due camini-colatoi. 30 mt. 4°+
37° tiro; Si arrampica lungo la costola e si entra nel vicino colatoio il quale porta sotto ad un grande tetto 15 mt. 3°, 4°+
38° tiro; Salire un’esile fessura che obliqua da sx. verso dx. Passare a dx. del tetto e ritornare a sx. all’interno del colatoio. 15 mt . A1, A2, 5°+
39° tiro; Proseguire lungo una placca ed un diedro: seguire un canale si raggiunge una cengia. 30 mt. 4°, 5°
40° tiro; Superare una placca a sx. del diedro e salendo dei blocchi di roccia si arriva alla cima. 40 mt. 4°+

Antelao_Pelmo_Civetta olio su tela ’04 di giuseppe frison www.artsvenice.com

Materiale dei primi salitori: 40 chiodi, 20 moscettoni e 2 staffe per ciascuno.

Discesa:
1a possibilità: Dalla vetta si scende verso Est e si raggiunge subito la ferrata degli “Alleghesi”. Si va a sx e si segue la ferrata in discesa fino al suo termine alla basa dello “Schinal de Bech” e prendere il sentiero Tivan. Da questo al rif. Coldai.
2a possibilità: Salire per il rif. Torrani che passa sulla sommità della punta Tissi e si traversa per cenge e detriti , seguendo poi la discesa con corde metalliche, segni rossi e ometti. 450 mt. circa 20 minuti.

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *