Spigolo Giallo


Spigolo Giallo


Posted By on Feb 11, 2014

SPIGOLO GIALLO UNA SPADA CHE PUNTA VERSO IL CIELO VIA: E.Comici, M.Varale, R.Zanutti APERTA L’ 8 – 9 SETTEMBRE 1933 “Ho superato lo Spigolo Giallo, compiendo l’arrampicata più aerea, esposta che si possa immaginare: perchè lo spigolo è veramente affilato come un tagliamare, un aratro, una spada, e continuamente strapiomba, e il vuoto incombe non solo sotto l’arrampicatore, ma a destra e a sinistra, e lo sguardo non si riposa più sulle rocce, ma continuamente si perde nell’aria” (Emilio Comici). PREMESSA: TUTTE LE VOLTE, CHE CAMMINO PER LA CARREGGIATA, PER ANDARE AL RIFUGIO LAVAREDO, GIUNTO ALLACAPPELLINA ALPINA, ALZO GLI OCCHI E CONTEMPLO LO SPIGOLO GIALLO, DELLA CIMA PICCOLA DI LAVAREDO, CHE SI STAGLIA POSSENTE SOPRA AL MIO CAPO. LA VIA APERTA DA E.COMICI, SI MANTIENE QUASI SEMPRE SULLA LAMA DELLO SPIGOLO E SI COMPRENDE CON QUANTO ARDORE EGLI HA AFFRONTATOL’ASCENSIONE. BELLO, VERTICALE, SI CONCEDE ALLO SGUARDO DI TUTTI GLI ALPINISTI, I QUALI, TACITAMENTE SANNO, IN CUOR LORO, CHE EMILIO COMICI L’HA VINTOCON LA SUA UMILTA’, PREPARAZIONE, ACCOSTANDOSI ALLO SPIGOLO D’ORO, SENZA REGOLE DI RIVALITA’ E NON CERCANDO IL CLAMORE DELLA STAMPA O DELLA FOLLA. HA COMPIUTO UN’ASCENSIONE ”NELL’ARTE CON L’ARTE”, PURAMENTE SFRUTTANDO LA ROCCIA, INCONTRANDO E VINCENDO LE DIFFICOLTA’ CONTINUE COL SUO STILE INCONFONDIBILE NELL’ASSAPORARE L’ARRAMPICATA SENZA MAI PENSARE AI CHIODI; ISPIRATO, NEL CUORE, NELLA SENSIBILITA’, NELL’INTELLIGENZA E NELLE SUE DOTI DI RAGGIUNGERE LA PERFEZIONE PER GODERE A PIENO LA SUA MONTAGNA. Severino Casara scrittore e alpinista ACCESSO: Dal rif. Auronzo, andare a dx per garreggiata verso il rifugio Lavaredo, o vicevera, dal rif. Lavaredo.Arrivati alla cappella degli alpini, si raggiunge in breve, per morena detritica, l’attacco, che si trova sulla sx della verticale calata del filo dello spigolo. Circa 30 m’ da entrambi i rifugi. RELAZIONE TECNICA: 1) Attacco: si trova sulla sx dello spigolo dove inizia una fessura-diedro (tracce). Si sale diritti per 30 mt., un evidente diedro giallo e irregolare, con difficoltà di V+ fino ad arrivare alla sosta scomoda su 3 chiodi con cordoni. Materiale: 4 o 5 ch. lungo il tiro, piuttosto vecchi e poco sicuri, si consiglia mettere friends o dadi. Roccia è molto levigata. 30 mt; V+. 2) Si prosegue lungo il diedro, V- fino al suo termine. ll passaggio d’ uscita è protetto, 1 chiodo; eventualmente mettere un dado. 1° passo chiave della salita (VI-). Uscire a dx (IV) fino ad arrivare ad un terrazzino.Sosta su 3 chiodi. 35mt; IV, 1p. VI-, IV. 3) Obliquare sempre verso dx. Si supera un pilastro staccato. Si sale, quindi, per gradoni e placche grigie non difficili, senza arrampicata obbligata e senza chiodi. Si giunge ad una nicchia con 2 ch. Sosta. 40 mt; III+, IV-.. Questa è la variante centrale allo Spigolo Giallo, che...

Read More