Posts made in maggio, 2014


Catinaccio Rifugi


Posted By on Mag 8, 2014

CATINACCIO  “Rosengarten”  Rifugio Paolina 2125 +39 0471613281 web Rifugio Roda di Vael 2280 0462764450 web Rifugio Ciampedie 1998 0462764432 web Rifugio Negritella 1986 3356535126 web Rifugio Gardeccia 1963 0462763152 web Rifugio Micheluzzi 1850 04622750050 web Media Val Duròn Rifugio Stella Alpina 1963 0462763270 web Gardeccia Rifugio Catinaccio 1648 04622764615 web Gardeccia Rifugio Vajolet 2243 0462763292 web  Catinaccio – le Torri del Vajolet Rifugio Preuss 2243 3687884968 web  Rif. Preuss si affaccia sul vallone del Vajolet Rifugio Re Alberto I 2621 046723428 web Tiers,  conca del “Gartl” Rifugio Passo Santner 2734 3406562228 web Al passo Santner Rifugio Passo Principe 2601 3394327101 web Passo Principe, alla testata della Valle del Vajolet. Rifugio Antermonia 2497 0462602272 web Lago d’Antermóia Rifugio Fronza”Rosengartenhutte” 2339 0471612033 web Versante O –  Catinaccio Rifugio Val di Bona 2099 0462601153 web Val di Genova Rifugio Bergamo”Grasleitenhutte” 2134 0471642103 web Vallone del Principe Catinaccio Setten. Rif. Locanda Duca Rifugio Alpe di Tierser 2440 0471707460 0471 727958 web Altopiano  Sciliar, ai piedi dei Denti di Terrarossa. Rif. Monte Cavone 1737 3478131152 Bivacco Latemar”A.Sieff” 2365 web  S/E Forcella...

Read More

  Gruppi: Fanes – Lagazuoi – Conturines – Sass de Cruz Prefazione: Vasto gruppo dolomitico; forse meno noto e meno imponente delle vicine Tofane. Si estende a financo di queste per una lunghezza da Nord a Sud di 9 Km., e per una larghezza Est – Ovest nel punto massimo di circa 5 Km. Il Gruppo montuoso del Lagazuoi e Fanes sono limitati a Nord dalla Valle di Fanes ad Est dalla Valle di Travenanzes a Sud dal RioFalzarego dall’omonimo passo, dal Passo Valparola ed infine ad Est dalla valle generata dal Torrente Sarè. La sommità più elevata del gruppo e Cima Fanis di Mezzo che raggiunge 2989 metri di altitudine Le Cime principali sono: Cima Fanis di Mezzo – 2.989 m Cima Fanis Sud – 2.980 m Cima Fanis Nord – 2.969 m Monte Cavallo – 2.912 m Cima Scotoni – 2.874 m Grande Lagazuoi – 2.835 m Piccolo Lagazuoi – 2.778 m L’accessibilità al gruppo e molto facilitata dai passi Falzarego 2105 mt. e del vicino Valparola . Inoltre una funivia permette di salire con facilità fino a quota 2756 mt. dove tra l’altro è stato edificato pochi metri più su il rifugio Lagazuoi sito in una delle forse più famose balconate delle Alpi ,da qui si ha una mirabile vista sulle principali cime dolomitiche bellunesi. Naturalmente le vie d’accesso al gruppo sono possibili da altre località , ma questa è di gran lunga la più comoda in quanto permettono di raggiungere oltre i 2000 metri di quota con l’automezzo e di poterlo lasciare su un comodo parcheggio. Tutta l’area è attraversata da una fitta rete di sentieri Cai ed alcune Cime sono dotate dei vie attrezzate come la via Ferrata Cesco Tomaselliche porta alla Cima Fanis Sud. E’ delimitato a Ovest da rio Sarè, a Sud dal passo Val Parola e dal passo Falzarego, a Est dalla Val Travenanzes e a Nord dal Vallon del Dos e da rio Fanes. La conformazione geologica è tipica della dolomia principale; banchi regolari si sovrappongono lasciando spazio a cenge che fasciano lunghi tratti di parete rocciosa. Alpinisticamente, il gruppo è stato un pò disertato; solo nella fascia del Piccolo Lagazuoi ci sono itinerari praticati durante la stagione primaverile e autunnale. Rifugi; Rifugio Scotoni 2.040 mt. ; Armentarola – Val Sarè, privato 0471.847330. Rifugio Valparola 2.192 mt.; passo Valparola 0436.866556 privato. Rifugio Lagazuoi 2.752 mt.; passo Falzarego per sentiero o con la funivia Lagazuoi 0436.867303 privato. Bivacco Gianni Dalla Chiesa 2.652 mt.; forcella Fanis Cai Cortina d’Ampezzo – solo emergenza Bivacco Baccon Barborka 2.620 mt.; Cime Furcia Rossa (Fanis) Ana Bolzano, Avs Bressanonea Bivacco della Pace 2.75 mt.; Cime Furcia Rossa (Fanis) Ana Bolzano, Avs Bressanone Rifugio La Varella 2.042 mt.; alpe Fanes, passo di Limo 0474.501079 privato Rifugio Fanes 2.060 mt.; alpe Fanes, passo Limo 0474.501097 privato Forse, al...

Read More

Erto


Posted By on Mag 4, 2014

Erto; marzo 5, 2011 Il silenzio per le strette vie di Erto è travolgente. Un paese di poche anime rimaste ma colmo d’anime d’un tempo. I vicoli acciottolati, le gradinate sconnesse, i muri sospesi delle case, il poco fumo dai camini, la triste pace avverte il visitatore di quanto questo ridente paese è e sia stato dimenticato. Sembra impossibile che da quell’evento, del bellissimo Erto, nulla sia stato fatto per ridargli la vita. La fierezza degli abitanti è mancata. Poco a poco tutto è crollato: le case e la dignità di essere veri ertani. Solo la dignità mai svanita di uno sparuto pugno di persone  non fa dimenticare quello che Erto era. Vita, gioia spensieratezza accompagnato da un buon bicchiere di vino Verso l’0steria al gallo cedrone Una via di Erto Bilancia Un’anziana, una persona del pugno degli sparuti abitanti di Erto Terrazza abbandonata Scuro e cardini sempre alloro posto in attesa di qualcuno… Ricostruzione e volontà di rimanere Ricordi di una casa perduta Poco fumo dai camini… Palla da gioco in attesa Monito da ertano a ertano Maternità, pace, devozione, speranza Luci e colori in una strada ertana Logo osteria gallo Cedrone Le vostre abitazioni Vi aspettano…Ertani La casa con il numero anagrafico 1 La natura prevale e adorna le case Le Furlane In ricostruzione, con grinta, verso la speranza Gerla ertana Devozione Muri colorati di fumo Gatto ertano Da Erto Da Erto verso il monte Toc Comunità felice in un matrimonio ertano Casetta di riparo per gli uccellini Casso e la palestra di roccia di Erto Casso inerpicato verso il cielo Casa abbandonata con albero a far capolino C’era una volta… A ricordo per non dimenticare Travi al...

Read More

Civetta Rifugi


Posted By on Mag 4, 2014

  CIVETTA – MOIAZZE – TAMER ……Civetta:”La Parete delle Pareti” Rifugio Torrani Maria Vittoria  2984 tel 0437789150   Pian d.Ténda Rifugio Mario Vazzoler          1714 tel  0437660008  Giard. Botanico“A.Segni”  Col Negro di Pélsa Rifugio Attilio Tissi                2262 tel 0437721644   Racconto                                    Col Reàn Rif “Coldai” Adolfo Sonino     2132 tel 0347789160   Descrizione                             Forc. Coldai Rifugio Capanna Trieste       1135 tel 0437660122                                     Sorge in Val Corpassa     Rifugio Cesare Tomè 1601 043765199 www.dolomiti.it Passo Duran_28 posti Bivacco Cesare Tomè 2860 043762904 CAI di Agordo Alla sommità del van del Giazzer o ghiacciaio De Gasperi _6 posti Rifugio Bruto Carestiato 1893 043762949 CAI di Agordo Al Col dei Pass (Moiazza) Bivacco Giovannino Grisetti 2050 0425700417 3202315104 CAI Trecenta (RO) Vant dela Moiazza_9 posti Bivacco “Moiazza”-Ghedini 2601 043762904 CAI di Agordo e Trecenta Forcella delle Nevère-Moiazza_5 posti Baita Valentino Angelini 1680 043778100 www.sentieroselvaggio.it Scarseloin Rifugio San Sebastiano 1601 043762360 www.passoduran.it Passo Duran_40...

Read More

Catinaccio – Rosengarten


Posted By on Mag 4, 2014

  Gruppo del Catinaccio 2981 m. “Rosengarten”, mitico giardino delle rose Introduzione: Rosengarten (tedesco), Catinaccio (italiano), Ciadinac (ladino). Il gruppo del Catinaccio si trova fra la Valle di Tires, la Val d’Ega e la Val di Fassa. Domina, anche se distante una decina di km, l’orizzonte orientale di Bolzano. Una delle caratteristiche del Catinaccio è la colorazione rosata che assume al tramonto. Il fenomeno è dovuto alla composizione delle pareti rocciose delle Dolomiti (formate dalla dolomia contenente dolomite, un composto di carbonato di calcio e magnesio). In ladino il fenomeno prende il nome di enrosadira, che letteralmente significa “diventare di color rosa”. Catinaccio d’Antermoia m. 3004, è la cima più alta del gruppo, sovraffollata lungo le sue vie ferrate. Salita per la prima volta nel 1872 dalla guida A. Bernard, C. C. Tucker e T. H. Carson, lungo un percorso che ricalca, a parte i primi 100 m., l’attuale ferrata da Ovest. Cime principali: Catinaccio d’Antermoia 3004 mt., Cima Catinaccio 2981 mt., Cima Scalieret 2887 mt., Torri del Vajolet 2813 mt., Croda di Re Laurino 2813 mt., Cima Sforcella 2810 mt., Crepe di Lausa 2719 mt., Cogolo di Larsec 2679 mt., Torre Gardeccia 2483 mt., Croda Rossa 2806 mt., Croda Davoi 2727 mt Ferrate: – via ferrata Catinaccio d’Antermoia – via ferrata Laurenzi – via ferrata Passo Santner – via ferrata del Masarè. Rifugi: Rifugio Ciampedie 1998 mt., Rifugio Negritella 1950 mt., Rifugio Gardeccia 1949 mt., Rifugio Catinaccio 1946 mt., Rifugio Stella Alpina 1972 mt., Rifugio Vajolet 2243 mt., Rifugio Preuss 2243 mt., Rifugio Re Alberto 2621 mt., Rifugio Passo Santner 2741 mt., Rifugio Passo Principet.2601 m), Rifugio Duca di Pistoia 1774 mt., Rifugio Fronza alle Coronelle 2337 mt., Rifugio Paolina 2127 mt., Rifugio Roda di Vaèl 2280 mt., Capanna M. Pederiva 2275 mt., Rifugio Bergamo 2129 m)t., Rifugio Antermoia 2496 mt. Escursioni: * giro del Rosengarten dalla malga Ciamin, poi Rifugio Alpe di Tires, Rifugio Fronza alle Coronelle e ritorno alla malga Ciamin (14 ore) * attraversa il regno di Re Laurino. Si parte dal Rifugio Coronelle, si raggiunge il Rifugio Parete Rossa e il Passo di Carezza (4 ore Introduzione: Rosengarten (tedesco), Catinaccio (italiano), Ciadinac (ladino). Il gruppo del Catinaccio si trova fra la Valle di Tires, la Val d’Ega e la Val di Fassa. Domina, anche se distante una decina di km, l’orizzonte orientale di Bolzano. Una delle caratteristiche del Catinaccio è la colorazione rosata che assume al tramonto. Il fenomeno è dovuto alla composizione delle pareti rocciose delle Dolomiti (formate dalla dolomia contenente dolomite, un composto di carbonato di calcio eosa”. Catinaccio d’Antermoia m. 3004, è la cima più alta del gruppo, sovraffollata lungo le sue vie ferrate. Salita per la prima volta...

Read More